E’ di qualche settimana  fa la notizia della chiusura del programma TFWP (Temporary Foreign Worker Program) ad alcune classi di lavoratori. La moratoria, spiega il ministro dell’immigrazione Kenney, resterà in atto fino a quando non saranno state determinate opportune revisioni al programma. La lista delle occupazioni interessate e relativo codice NOC è presente sul sito ufficiale del CIC a questo link. Per comodità lo riporto anche qui sotto:

List of all Sales and Services Occupations
(Skill type 6 based on NOC) affected under the Food Services Sector only
 
NOC Code NOC4 Title
6641 Food Counter Attendants, Kitchen Helpers and Related Occupations
0631 Restaurant and Food Service Managers
6212 Food Service Supervisors
6453 Food and Beverage Servers
6611 Cashiers
6241 Chefs
6242 Cooks
6252 Bakers
0611 Sales, Marketing and Advertising Managers
0621 Retail Trade Manager
0632 Accommodation Service Managers
0651 Other Services Managers
6211 Retail Trade Supervisors
6213 Executive Housekeepers
6214 Dry Cleaning and Laundry Supervisors
6215 Cleaning Supervisors
6216 Other Service Supervisors
6221 Technical Sales Specialists – Wholesale Trade
6251 Butchers, Meat Cutters and Fishmongers – Retail and Wholesale
6411 Sales Representatives – Wholesale Trade (Non-Technical)
6421 Retail Salespersons and Sales Clerks
6451 Maîtres d’hôtel and Hosts/Hostesses
6452 Bartenders
6484 Other Personal Service Occupations
6622 Grocery Clerks and Store Shelf Stockers
6623 Other Elemental Sales Occupations
6651 Security Guards and Related Occupations
6661 Light Duty Cleaners
6662 Specialized Cleaners
6663 Janitors, Caretakers and Building Superintendents
6681 Dry Cleaning and Laundry Occupations
6682 Ironing, Pressing and Finishing Occupations
6683 Other Elemental Service Occupations

 

Ministro dell'impiego, dello sviluppo sociale e del multiculturalismo
Ministro dell’impiego, dello sviluppo sociale e del multiculturalismo

La moratoria, ufficialmente, è il risultato dello sfruttamento del programma da parte di alcuni imprenditori che, per assicurarsi manodopera a basso costo ed un impegno costante e continuo da parte dei lavoratori (sotto la spada di Damocle del permesso di lavoro), hanno troppe volte ignorato il mercato interno e assunto personale disposto a tutto pur di restare. Questa linea di pensiero si riferisce particolarmente a lavori non particolarmente appetibili per un canadese, perchè considerati poco nobili (anche qua possiamo tracciare un parallelo con il nostro paese..), e cosi vengono riempiti da immigrati desiderosi di avere l’opportunità di restare in Canada. I datori di lavoro, naturalmente, li accolgono a braccia aperte: manodopera fedele ed a basso costo (minimo di legge), viva.

Naturalmente non possiamo generalizzare: non tutti i datori di lavoro cercano di utilizzare questo genere di sotterfugi ma, come succede a scuola, dopo un po’ che qualcuno fa casino, la maestra mette in castigo tutta la classe. Tutto il mondo è paese, e i datori di lavoro che vogliono sottopagare i dipendenti o far leva sul fatto del -ti faccio tornare a casa- ci sono anche qua. Gli immigrati sono una risorsa, ma possono anche affossare un paese se i flussi non sono regolamentati a dovere ed il mercato del lavoro non ha una disciplina semplice, chiara e ben definita.

Il Canada è una nazione che guarda al futuro, cosa che non fanno gran parte dei politici in Italia. La corruzione, gli interessi personali, gli abusi di potere ci sono anche qua, ma non mettono a rischio così palesemente il futuro del paese. Hanno capito che non incoraggiare all’impiego le persone che formano il tessuto sociale del paese, alla lunga porta problemi di stabilità economica – esattamente quello che sta succedendo nella nostra amata/odiata Italia. Con queste premesse, ogni immigrato che arriva cercando lavoro, deve essere davvero necessario alla nazione e nessun canadese deve restare a casa a causa del suo arrivo. In questo sono d’accordissimo con il governo e, se questo fosse attuato anche in Italia, penso che gran parte dei problemi che abbiamo e che riteniamo legati agli immigrati, non esisterebbero.

Questo è un articolo interessante che vi invito a leggere, per comprendere un po’ quali sono i punti cardine sui quali verte la polemica contro gli immigrati ed alcune proposte per la riforma del TFWP.
Qui c’è il link ufficiale del governo con domande e risposte sull’argomento.

Altra cosa che è in discussione da un po’ di tempo, è il cosiddetto bill C24, ossia una proposta di legge che prevede di cambiare alcune regole per la richiesta della cittadinanza. Non cambia troppo, a parte due requisiti: una tassa più alta da pagare per la richiesta e periodi di residenza sul territorio canadese piu lunghi. La novità risiede nel fatto che un cittadino canadese con doppio passaporto, puo’ vedersi revocata la sua cittadinanza in presenza di particolari condizioni, quali gravi reati contro il paese (tradimento, terrorismo…), oppure se un ufficiale dell’immigrazione ritiene che tu non abbia piu intenzione (o non abbia mai avuto intenzione) di vivere in Canada. Ci sono molte informazioni sulla rete (in inglese) che spiegano quanto sta succedendo.

Questo è un articolo dell’associazione degli avvocati dei rifugiati in Canada, questa è l’attuale legge che regola l’immigrazione c.d. Citizenship Act e questa è la stesura del bill C-24. 

Insomma, molti cambiamenti in materia di immigrazione per il Canada, segno che i tempi stanno evolvendo. La tendenza sembra virare verso una chiusura sempre maggiore, una più severa selezione ed una maggiore regolamentazione delle persone che accedono alla nazione. Sono purtroppo finiti i tempi in cui il Canada aveva bisogno di qualsiasi tipo di manodopera o specializzazione, ora questa nazione sa cosa vuole e cerca di selezionare solamente chi di cui necessita per il proprio sviluppo.

Diego

 

 

 

 

  • Aquila Noctis

    Per prima cosa, grazie! Aspettavo un vostro intervento a riguardo…

    Sfortunatamente, dopo poco più di un mese che avevo ottenuto un wp skilled, ho visto aggiungere la mia professione (noc 6211, produce supervisor), alla black list, quindi adesso non so se in futuro potrò accedere neanche allo stream provinciale, mentre x Canada experience class, sono abbastanza sicuro di essere fuori.

    Il Canada dovrebbe forse ricordarsi che è stato “costruito” anche da famiglie di italiani che arrivavano qui con una valigia di cartone e la testa piena di speranze, che hanno lavorato duramente e che hanno costruito qualcosa ed ora sono benestanti, integrati e con figlioli e nipoti italo-canadesi.

    • diariodavancouver

      Lo stream provinciale non e’ stato toccato – almeno in BC-, solo gli LMO ne sono interessati.

      Purtroppo le misure sono state necessarie perche’ piu di qualcuno ha abusato del programma senza effettivamente fare una ricerca sul territorio per dare un posto ai canadesi. C’e’ da dire che anche i canadesi non vogliono fare lavori faticosi o considerati poco edificanti quali quelli di questo settore…

      La CEC ha escluso il NOC 6211, questo e’ vero. Secondo me facendo domanda sotto uno stream provinciale o il FSWP potrebbe funzionare ugualmente.

      • Io un lavoro faticoso lo farei più che volentieri pur di andare
        in Canada e restarci!!! Il problema è trovarlo…

  • Pingback: Nuova politica sui permessi di lavoro - Canadians First - Diario da Vancouver()